Dott. Rossana Castellana  - Specialista in dermatologia

Cavitazione ultrasonica

Cos'è la cavitazione?

cavitazioneLa cavitazione è una metodica che si avvale delle proprietà fisiche degli ultrasuoni a bassa frequenza per ridurre le adiposità localizzate e la cellulite, in maniera indolore e non invasiva. Rappresenta un'efficace tecnica di rimodellamento corporeo in alternativa all'intervento chirurgico di liposuzione.

Come funziona?

Tramite un'apparecchiatura adeguata, le onde di ultrasuoni a bassa frequenza vengono liberate da un manipolo speciale appoggiato alla pelle e fatte convergere all'interno del tessuto adiposo, dove per mezzo di micro-oscillazioni, producono rapide variazioni pressorie nei liquidi cellulari. Si formano così microbolle all'interno delle cellule adipose, che implodono, rompono la membrana cellulare e permettono la fuoriuscita degli acidi grassi (trigliceridi).
Le scorie di grasso liberato, riassorbite dal sistema linfatico, vengono metabolizzate dal fegato in modo naturale, come qualsiasi grasso alimentare.   

Oltre all'effetto lipolitico, il riscaldamento prodotto dagli ultrasuoni sul derma e sul sottocutaneo, favorisce la formazione di nuovo collagene e consente così un miglioramento visibile della tonicità ed elasticità della pelle trattata.

Gli ultrasuoni realizzano il fenomeno di cavitazione in un ambiente ricco d'acqua, per cui è necessario migliorare l'efficacia delle onde ultrasoniche, mediante infiltrazione del tessuto adiposo con soluzione fisiologica ed eventualmente farmaci lipolitici, per potenziare l'effetto di riassorbimento dei grassi.
Questa procedura va praticata in ambulatorio e viene chiamata cavitazione medica (idrolipoclasia ultrasonica). Richiede un'apparecchiatura di qualità elevata e l'intervento di un medico qualificato.
La cavitazione estetica è invece quella proposta spesso nei centri estetici, di efficacia assai limitata, sia perché praticata senza infiltrare soluzioni nel pannicolo adiposo, sia perché molti apparecchi immessi sul mercato hanno potenze di emissione non adatte a produrre un fenomeno di cavitazione importante, ma si limitano a drenare liquidi ed a ridurre la ritenzione idrica, incidendo solo in misura modestissima sulle cellule grasse.

Quali sono le indicazioni?

- Adiposità localizzate in braccia, addome, fianchi, glutei, cosce, polpacci e interno ginocchia;
- cellulite;
- non indicato per il trattamento del viso, del collo, delle mucose, delle mani e dei piedi.

Quali sono le controindicazioni?

- Portatori di dislipidemie croniche, patologie del fegato, cuore, reni, tiroide, disordini della coagulazione e malattie del tessuto connettivo;
- portatori di pacemaker o protesi di qualsiasi genere;
- stato di gravidanza.

Quali sono gli effetti collaterali?

La cavitazione è un trattamento sicuro, efficace e privo di effetti collaterali, salvo, talvolta, una sensazione di calore, un temporaneo eritema o gonfiore della zona trattata.

Quante sedute servono?

Per raggiungere risultati ottimali sono necessarie normalmente da 8 a 12 sedute a cadenza settimanale, a seconda della zona da trattare e delle caratteristiche del paziente. È importante anche per ottenere risultati ottimali e definitivi attenersi alle indicazioni mediche durante l'intero ciclo di trattamento, come bere almeno 1,5 litri di acqua oligominerale al giorno, seguire una corretta alimentazione e svolgere attività fisica leggera e costante, per smaltire il carico di grassi che si libera dalle cellule adipose.

Lo strumento in uso in questo ambulatorio è LAIN-MED® prodotto da Lain Electronic srL.


sfondo
fondo