Dott. Rossana Castellana  - Specialista in dermatologia

Luce intensa pulsata

Cos'è la luce intensa pulsata?

La luce intensa pulsata o Intense Pulsed Light (IPL) si tratta di una luce policromatica che viene utilizzata con un sistema di filtri in modo da operare selettivamente su determinati target. Introdotta alla fine degli anni '90, è una procedura che si avvale di una sorgente di energia luminosa che, contrariamente al laser, è non coerente e ad ampio spettro.

La sorgente luminosa di IPL emette un'energia compresa fra i 390 e i 1200 nm. Al fine di utilizzare soltanto la lunghezza d'onda indicata per il tipo di trattamento, esistono filtri in grado di bloccare l'emissione delle altre lunghezze.

Quali sono le indicazioni?

Pur non essendo propriamente un laser, la luce pulsata ha però le stesse indicazioni dei principali laser dermatologici attualmente in uso, poiché, coprendo un ampio spettro di lunghezze d'onda, trova largo impiego in varie patologie e inestetismi:

Lesioni vascolari cutanee: - angiomi

- couperose-rosacea

- capillari del volto

- teleangectasie-capillari dilatati degli arti inferiori, del collo e décollété

Disturbi della pigmentazione: - macchie cutanee

Epilazione: - trattamento di irsutismo, ipertricosi e peli superflui scuri del viso e del corpo

Ringiovanimento non ablativo: - ringiovanimento del viso

- ringiovanimento del collo e del décolleté

- ringiovanimento delle mani

- rughe superficiali

Altre indicazioni: - acne

- smagliature

Come funziona e come si svolge il trattamento a IPL?

Per l'emissione di IPL vengono utilizzati spot rettangolari di dimensioni variabili, avendo sempre l'accortezza di applicare uno strato di gel freddo sulla cute del paziente, anche se i dispositivi IPL hanno spesso integrato un sistema di raffreddamento. La luce viene assorbita all'interno di cellule bersaglio di un determinato colore (cromofori) presenti nella pelle e l'energia luminosa viene convertita in energia termica, che provoca danni in una specifica area bersaglio.

Durante la seduta di IPL il paziente non avverte particolari stimoli dolorosi, ma nei casi in cui è necessario, un anestetico locale può essere applicato nella zona da trattare.

Quante sedute sono necessarie?

Il numero di applicazioni varia da 3 a 6 sedute, in base ai singoli casi a alle indicazioni. Solitamente l'intervallo tra le sedute è di circa 30 giorni.

Quali sono gli effetti collaterali?

La pelle rimane sensibile e leggermente dolorante immediatamente dopo il trattamento, per circa 1 a 2 ore, ma può essere alleviata con l'applicazione di creme specifiche. È normale un leggero eritema o arrossamento dell'area trattata, che comunque scompare spontaneamente dopo qualche giorno.

Per quanto riguarda il trattamento delle macchie, è possibile che le stesse si scuriscano con formazione di micro-croste che tenderanno a cadere e a lasciare spazio a nuovo tessuto sano, dopo circa 7 a 10 giorni.

Per evitare la formazione di macchie scure (ipercromiche) o chiare (ipocromiche) e di cicatrici, è importante evitare l'esposizione al sole o alle lampade ai raggi UV nei giorni e nelle settimane prima e dopo il trattamento.
La maggior parte dei pazienti può tornare al lavoro subito dopo il trattamento.

Quali sono i vantaggi della IPL?

A fronte di una sempre maggiore richiesta di trattamenti medico-estetici di IPL volti a ottenere la risoluzione di molteplici inestetismi cutanei con la minore compromissione della vita sociale, tale tecnica, per la sua estrema maneggevolezza e rapidità di esecuzione, trova allo stato attuale grandi possibilità di utilizzo e versatilità, permettendo di eseguire trattamenti mirati ed efficaci, in piena sicurezza, proponendosi come una valida procedura sia isolata sia associata ad altre metodiche.

Nel mio ambulatorio viene utilizzato per il trattamento di IPL la Luce Intensa Pulsata Starlux Lux G ®, Palomar, che è efficace nel trattamento di lesioni vascolari e di macchie della pelle.


sfondo
fondo